Cucine da Incubo: la brutta copia italiana

Antonino Cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo

Hai un ristorante in crisi? Servi polenta del ’74 e ti offendi se i clienti non la mangiano? Congeli il cibo spacciandolo per fresco ed il tuo locale è sempre vuoto?
Niente pura: “Kaboom, Cannavacciuolo risponde!“, come recita l’improbabile fumetto che ogni tanto appare in sovraimpressione.
Paolo e Bina hanno bisogno di aiuto, il loro locale a Milano, “Il Golfo di Mondello e Sferracavallo” che serve specialità siciliane, è in profonda crisi.
Lavora con un menu a prezzo fisso seppellendo i clienti di cibo, la maggior parte del quale finisce nella pattumiera.
E così i conti non tornano, e i clienti nemmeno. Continua a leggere

Annunci

Spot da incubo per Cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo

Gordon Ramsay si sdoppia e assume le fattezze, tutte italiane, di Carlo Cracco e di Antonino Cannavacciuolo.
Giovedì, infatti, su Skyuno partirà la prima edizione italiana di Hell’s Kitchen, condotta dal pluristellato giudice di Masterchef Italia, mentre il 7 maggio, su Foxlife arriverà la seconda stagione di Cucine da Incubo.
Ovviamente scriverò al momento giusto i relativi post, ma per ora voglio soffermarmi sullo spot.
Sì, perché da qualche giorno, sulla piattaforma satellitare, gira un doppio spot per i due programmi. Continua a leggere

Quattro Matrimoni, tre “porcone” e il mio funerale

Paola, Desire, Marinella e Antonella

Paola, Desire, Marinella e Antonella

Ieri sera ho rischiato di morire.
Volevo regalarvi un commento sulla prima puntata del nuovo show,  in sei puntate, che Fox Life manda in onda, ogni mercoledì alle 21, trovata sul mio Sky “on demand”, ma le risate sono state talmente tante da portarmi vicino alle convulsioni e ad una crisi cardiorespiratoria.
Io ve lo dico, non so per quanto tempo ancora potrò fare questa vita, comincio ad avere una certa età!
Il programma in questione si chiama “Quattro Matrimoni In Italia”  e consiste nel malsano esperimento di mettere in competizione tra loro 4 spose che devono, a turno, votare i matrimoni delle altre concorrenti, e la coppia vincitrice si aggiudica un viaggio in una “località segreta” probabilmente scelta dalla Cia!

Una cosa che non si dovrebbe mai fare, quasi da denuncia per istigazione alla violenza!
Anzi chiedo alle autorità competenti di avviare un’indagine per scoprire se, a telecamere spente, ci siano state fatti di sangue tra le quattro belve.
Io vorrei chiedere a chiunque di voi sia sposato (e soprattutto a quelli che stanno per sposarsi, e chi ha orecchie per intendere, intenda), cosa direbbe vostra moglie se durante la cerimonia e la cena ci fossero tre perfette sconosciute che passano il tempo a criticare ogni aspetto del matrimonio davanti ad una telecamera. Continua a leggere